Impianti elettrici: le nuove norme

Il primo settembre 2011 è entrata in vigore la nuova Variante 3 alla norma CEI 64-8 “Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua”, che fornisce prescrizioni addizionali, ai fini delle prestazioni, per gli impianti elettrici di unità immobiliari ad uso residenziale situate all’interno dei condomini o di unità abitative mono o plurifamiliari.

Tali riferimenti si applicano sia ai nuovi impianti, sia ai rifacimenti completi di impianti esistenti. Restano esenti, invece, le unità abitative degli edifici di pregio per arte e storia e le parti comuni degli edifici residenziali.

In particolare l’Allegato A individua le dotazioni minime di un impianto elettrico con riferimento a 3 diversi livelli prestazionali e di fruibilità.

Il livello 1 individua la dotazione minima, al di sotto della quale non è consentito scendere:  tale livello prevede, in particolare, un numero minimo di punti-prese e punti-luce in funzione della metratura o della tipologia del locale di installazione e un numero minimo di circuiti in funzione della metratura dell’appartamento.

Il livello 2 prevede, in aggiunta, un aumento delle dotazioni, dei componenti e servizi ausiliari quali il videocitofono e l’anti-intrusione.

Il livello 3 prevede, in aggiunta, un ulteriore aumento delle dotazioni e l’introduzione della domotica.

La nuova variante segue l’esempio che sta cambiando il mercato degli immobili: la certificazione energetica degli edifici. Negli ultimi anni si è fatta strada nei consumatori l’idea di casa in classe A, A+ che permette di riconoscere facilmente un’abitazione efficiente in termini energetici. Allo stesso modo, grazie alla nuova variante, l’acquirente di un immobile potrà conoscere il “livello” di qualità dell’impianto elettrico. “Auspichiamo – ha concluso Perico – che venga attuato anche un sistema di verifiche degli impianti civili, unico strumento per garantire una massiccia applicazione sia delle ultime novità normative sia di leggi e norme consolidate”.

 

 

 


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.